0

Palla a Barba… Antonio Conte proprio non ce la fa!

Posted by Barbapress on Gennaio 12, 2021 in Attualità |

Antonio non ce la fa! Antonio Conte proprio non ce la fa! È la terza volta consecutiva che all’Olimpico finisce 2-2! E niente… quando Conte quando incontra Fonseca ancora non ce la fa a vincere.

L'esultanza dell'Inter dopo il gol di Hakimi
L’esultanza dell’Inter dopo il gol di Hakimi

Non ce la fa a vincere con un attaccante da 70 milioni, e domenica abbiamo visto perchè; non ce la a vincere con un terzino da 40 milioni che non saprà crossare di prima al volo peró avete visto cosa è capace di fare.

La Roma esce a testa alta da questa gara giocando a pallone e reagendo alle avversitá con il suo gioco, con calma, leggerezza e soprattutto con fiducia. Tutti i giallorossi con molta presenza di spirito: uno su tutti il nostro principino Gonzalo Villar!

Gonzalo Villar, grande protagonista della partita
Gonzalo Villar, grande protagonista della partita

E poi cosa dire di Pau Lopez? Il portiere spagnolo in un paio di occasioni salva la partita (nel primo tempo su Lukaku, nel secondo su Lautaro Martinez) e noi l’abbiamo trattato per un’indecisione manco fosse un Chimenti qualsiasi!

È ora c’è il derby, un’ intera settimana per per prepararlo senza coppe o turno infrasettimanale di mezzo… Forza Roma adesso eh!

Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Palla a Barba… i “bambini” collassano a Bergamo

Posted by Barbapress on Dicembre 22, 2020 in Calcio |

Perchè ai bambini non si può chiedere di fare un esame di maturità. Stessa identica cosa si potrebbe dire alla Roma che si presenta a Bergamo e, nonostante un ottimo primo tempo, ne becca 4. Altri 4 gol al passivo, come è successo a Napoli. Come succede quando incontri una “grande” del campionato e puntualmente perdi.

Sì… “bambini”, il mister Fonseca li ha chiamati così i suoi giocatori. Ovviamente quelli scesi in campo nel secondo tempo, non gli autori di una prima frazione di gioco pressochè perfetta: 1 gol, 1 palo, tante potenziali occasioni, netta predominanza del gioco, mai un rischio per Mirante in porta che si fa notare solo quando chiede il fisioterapista in campo per un problema fisico.

Assist di Mhkitaryan e gol di Dzeko: 0-1 a Bergamo!
Assist di Mhkitaryan e gol di Dzeko: 0-1 a Bergamo!

Poi nel secondo tempo sembrava tutto tranquillo, addirittura rischiamo il raddoppio con una bell’azione e tiro finale di Veretout ottimamente deviato da un Gollini in formato “Nazionale”, e poi? Poi arriva un gol “casuale” di Zapata (la palla che arriva ad Ilicic per l’assist finale è un passaggio involontario di Mancini!) e Ilicic si ricorda di essere Ilicic e l’Atalanta si ricorda di fare l’Atalanta.

Il gol del sorpasso di Gosens nella rimonta bergamasca
Il gol del sorpasso di Gosens nella rimonta bergamasca

Nei prossimi giorni seguiranno giorni rossi e arancioni, noi vi facciamo intanto gli auguri di Natale. Babbo Natale ci porterà un nuovo sponsor tecnico (New Balance, ndr) e un nuovo terzino destro a stelle e strisce, Bryan Reynolds. Speriamo in un 2021 sicuramente migliore: vedere qualcosa di peggio del 2020 sembra quasi impossibile!

Forza Roma sempre!

Sembra proprio la New Balance la prossima sponsorship tecnica in casa Roma
New Balance prossimo sponsor tecnico in casa Roma?
Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Palla a Barba… una rapina a mano armata, come i vecchi tempi!

Posted by Barbapress on Dicembre 8, 2020 in Calcio |

Una “rapina a mano armata” come non ci succedeva da tanto tempo. Ma non è che siamo davvero forti? Roma-Sassuolo 0-0. Una Roma che si ritrova in 10 senza Pedro, espulso nel primo tempo, dopo una prima ammonizione molto severa da parte dell’arbitro Fabio Maresca.

Poi il gol di Mhkitaryan annullato dopo che lo stesso direttore di gara aveva escluso con ampi gesti che ci fosse qualcosa di irregolare. Poi il VAR e si rimane ancora sullo 0-0: Fonseca aveva giá capito tutto a fine primo tempo (espulso, ndr).

Fonseca espulso a fine primo tempo dopo le proteste contro Maresca
Fonseca espulso a fine primo tempo dopo le proteste contro Maresca

Nella ripresa invece una nuova Roma, con i giocatori che corrono come se fossero in 13, che sottomette il grande Sassuolo di De Zerbi. Tante occasioni, un palo e poi quell’episodio, quella ruota che storicamente non gira mai a nostro favore. Spinazzola entra in area sulla sinistra, crossa e Ayhan che colpisce il pallone con una mano troppo larga (secondo il regolamento). Il giocatore turco si danna e si dispera, si sente già in colpa ma per sua fortuna non succede nulla. Silenzio di tutti, VAR compreso.

Spinazzola crossa al centro ma c'è la mano di Ayhan a fermare tutto!
Spinazzola crossa al centro ma c’è la mano di Ayhan a fermare tutto!

E poi la beffa: l’ammonizione di Obiang su un fallo “omicida” su Lorenzo Pellegrini che dopo 2 giorni dalla partita ha ancora una caviglia gonfia. La partita, secondo Maresca, inizia con un metro arbitrale e finisce con un altro: pessima partita per la giacchetta nera dell’AIA. Quindi prossima partita senza Pedro squalificato e, con molta probabilità, senza il nostro calciatore romano e romanista. Una “rapina” riuscita al 100%

Ora giovedì una nuova sgambata in Europa League e poi domenica, a Bologna, toccherà tornare a vincere. Forza Grande Roma!

Gli 11 di partenza scelti da Fonseca contro il Sassuolo
Gli 11 di partenza scelti da Fonseca contro il Sassuolo
Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

1

Palla a Barba… Napoli-Roma, per salutare Diego

Posted by Barbapress on Dicembre 1, 2020 in Calcio |

Se n’è andato Diego, senza dubbio il più grande di tutti, il più geniale calciatore della storia di questo sport, senza scadere nella retorica: “il più forte di tutti”.

Ho avuto la fortuna di appassionarmi al calcio proprio quando Maradona arrivó in Italia, ma avevo 6-7 anni e secondo me non sono mai riuscito ad apprezzare in pieno davvero che giocatore incredibile fosse. Ah, se avessi avuto l’opportunità di seguirlo con “l’esperienza” di millemila partite viste ormai alla mia età.

La vittoria in Coppa Uefa nel 1989 targata Maradona
La vittoria in Coppa Uefa nel 1989 targata Maradona

Che fosse di un’altra categoria si vedeva, e non ci voleva neanche tanto a capirlo. Poi ci sono i risultati a testimoniarlo: non è da tutti infatti vincere (con il Napoli) contro la Juventus degli anni 80 e contro il Milan dei primi tempi di Berlusconi.

Non è da tutti vincere anche in Europa, mi piaceva quel Napoli ‘88/ ‘89 che a Stoccarda alzó anche la Coppa Uefa. E con dei giocatori che LUI faceva sembrare dei campioni. Ecco gli 11 scelti da Ottavio Bianchi nella finale di ritorno a Stoccarda (finita 3-3, ndr).

Stoccarda 1989. Finale di Coppa Uefa. Gli 11 di Ottavio Bianchi
Stoccarda 1989. Finale di Coppa Uefa. Gli 11 di Ottavio Bianchi

E ora dovremmo parlare della Roma no? Ma invece noi, come ha fatto la Roma domenica sera, non ci schieriamo. La puntata di “Palla a Barba” di questa settimana è tutta per Diego. Sempre Forza Roma!

Buona prova di Piotr Zielinski come trequartista
Buona prova di Piotr Zielinski come trequartista
Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

1

Il genio non muore mai. Ad10s Diego Armando Maradona.

Posted by Barbapress on Novembre 25, 2020 in Attualità, Calcio |
Diego Armando Maradona con la maglia del Napoli
Diego Armando Maradona, il genio con la maglia del Napoli

Maradona, il genio fragile. Fuori categoria, sempre, nell’enormità delle imprese, nel fragore delle cadute, nella prepotenza del talento, del caos infinito, delle tante contraddizioni.

Maradona che insiste nell’esposizione sacra del corpo, del mito, anche sedendosi su panchine scomode, incendiando ovunque le corde del sentimento popolare.   

Maradona resta Maradona: il Caravaggio del ‘900, l’incanto, lo sberleffo, il peccato, anche se trionfi e tonfi spalmati sulla vita esagerata hanno finito per lasciare il segno sulla corazza del più grande, anche tra i campioni tormentati.

(da “L’uomo della domenica” di Giorgio Porrà)

Maradona, il giorno della presentazione al San Paolo
Il giorno della presentazione al San Paolo

“Dio mi ha dato molto di più di quello che sognavo. Non credo che si sia dimenticato qualcosa”

Share

Tag:, , , , , , , , ,

0

Palla a Barba… una Roma “brasileira” che convince!

Posted by Barbapress on Novembre 24, 2020 in Calcio |

Un’altra vittoria importante e convincente (contro il Parma, 3-0) per una Roma “brasileira” che gioca in formazione rimaneggiata a causa del Covid (mancavano 5 titolari!) ma che proprio a causa del virus ha visto i suoi giocatori “rimanere a casa” per le partite delle rispettive Nazionali.

Sono tante piccole cose a piacere: le prestazioni dei “poco utilizzati” Borja Mayoral e Villar (perfino Juan Jesus sembra di nuovo un giocatore di calcio); l’urlaccio di Mirante sul 3-0 al 70’ che tenta di svegliare la difesa perchè vuole mantenere imbattuta la propria porta; i 90’ di Karsdorp che mette ancora benzina nel motore e soprattutto nella sua muscolatura.

Karsdorp per Mkhikitaryan per il 3-0
Karsdorp per Mkhikitaryan per il 3-0

E poi, che gol ragazzi. Bellissimo, da vero n. 9, quello di Borja Mayoral: prima il taglio nella difesa parmense, poi la corsa rallentata per impedire un eventuale anticipo del difensore, i riferimenti della porta non persi nonostante non la guardi nemmeno un attimo, il tocco di sinistro preciso ed angolato che rende vano qualsiasi tentativo di parata di Sepe.

Borja Mayoral, il suo primo gol giallorosso in Serie A
Borja Mayoral, il suo primo gol giallorosso in Serie A

E poi un gol da “Premier League”, quello di Mkhikitaryan: un bel tiro di collo, da fuori area, forte, sotto la traversa. Così si tira in porta… Non i soliti tiri di piattone da fuori area, tanto belli stilisticamente quanto sempre poco pericolosi. Una Roma “brasileira” davvero!

Ora, nonostante le assenze, dovremmo chiudere il discorso qualificazione in Europa League, e poi c’è il Napoli… con un Gattuso infuriato contro la propria squadra e i calciatori partenopei che anche quest’anno sembrano un po’ suscettibili a qualsiasi critica. Un vero test d’esame! Forza Grande Roma!!!!

Gattuso e il Napoli: suscettibilità alle stelle!
Gattuso e il Napoli: suscettibilità alle stelle!
Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

Palla a Barba… 0-3: King, Soldatino e Mkhitaryan

Posted by Barbapress on Novembre 10, 2020 in Attualità |

Ci ha pensato Mkhitaryan. Vittoria importantissima a Genova su un campo sempre ostico, contro una squadra sempre tosta e quest’anno allenata anche da un allenatore (Maran) che non lascia mai nulla al caso.

Tanti ex laziali ed ex romanisti contro

La cosa che preoccupava di più era la presenza tra i giocatori del Grifone di una marea di ex “juventini falliti”, di tanti ex laziali e soprattutto dei sempre pericolosissimi ex romanisti. E noi sappiamo bene quanto ci fanno male.

Insomma, stiamo là, a quel posto in classifica, piuttosto in alto, diciamo così. Ormai tutti ci hanno notato, ne parlano anche al “Club” di Fabio Caressa la domenica sera. Tra un’inchiesta per i tamponi farlocchi e un Conte che sta eguagliando l’Inter di De Boer, purtroppo tutti ora stanno parlando di noi.

Mhkitaryan si porta il pallone a casa: tripletta per lui
Mhkitaryan si porta il pallone a casa: tripletta per lui

E parlano soprattutto del nostro armeno: tripletta per Henrik Mkhitaryan e, in più, anche dei gol di ottima fattura. In particolare nella seconda marcatura, oltre allo smarcamento per trovarsi da solo davanti a Perin, il giocatore armeno prima salta, e solo dopo il salto decide di aprire anca e piatto del piede per piazzare la palla in rete.

Capitan Pellegrini e la patch Grazie Mandra' sulla maglia di gioco
Capitan Pellegrini e la patch Grazie Mandra’ sulla maglia di gioco

Nel giorno in cui si giocava con una patch sulla maglia dedicata a Gigi Proietti (“Grazie Mandrà”) potremmo dire benissimo: 0-3, la tris di King, Soldatino e Mkhitaryan.

Ora c’è la sosta, in attesa del punto della famosa Verona-Roma e sperando che non venga contagiata l’intera squadra da questa maledetto virus. Poi sarà la volta di Roma-Parma. Forza Grande Roma!

Share

1

Palla a Barba… i benefici della Coppa Maalox (Europa League)

Posted by Barbapress on Novembre 3, 2020 in Attualità |

Due a zero alla Fiorentina per una Roma che ha fatto una grande impressione per l’andamento e gestione della gara. E tutto grazie alla Coppa Maalox: chiamo così l’Europa League a causa degli intensi “bruciori di stomaco” nel vedere certi giocatori in campo…

Grazie ai ricambi della Coppa Maaolox, quindi, riusciamo a vedere Karsdorp che regge fino al 70’; Ibanez che non esce massacrato da contrasti e scivolate varie; i 3 “vecchietti” che giocano ad alta velocità e soprattutto con qualità… La Viola, al di là di tutto, continua ad avere come in tutti gli anni un buon organico ma gestito male dall’ennesimo allenatore mediocre.

I tre "vecchietti": Dzeko, Pedro e Mkhitaryan
I tre “vecchietti”: Dzeko, Pedro e Mkhitaryan

E poi, 2 partite con lui e 0 gol subiti. Sarà un caso??? Con Chris Smalling la Roma sembra aver messo a punto la sua solidità difensiva per la giuste dose di esperienza e di muscoli.

L'importanza di avere Smalling con noi
L’importanza di avere Smalling con noi

E pensare che qualcuno voleva pure cacciare Fonseca perché insisteva troppo per avere il difensore inglese, arrivando quel qualcuno anche a minacciare l’allenatore portoghese di perdere il suo posto…

Ora di nuovo Europa League, o meglio la Coppa Maalox, e poi tutti a Genova contro un Grifone moooolto tosto! Nella settimana in cui l’Italia e Roma perdono un grande: FORZA ROMA!

E ciao Maestro!

Addio al grande mattatore: il Maestro Gigi Proietti!
Addio al grande mattatore: il Maestro Gigi Proietti!
Share

0

Palla a Barba… A San Siro si poteva vincere!

Posted by Barbapress on Ottobre 28, 2020 in Attualità |

Rimonta per 3 volte e alla fine finisce 3-3 a San Siro. Ma in alcuni pazzi (come me) rimane quella sensazione che si sarebbe anche potuto vincere.

Dzeko pareggia subito i conti: è 1-1!
Dzeko pareggia subito i conti: è 1-1!

Se solo Mkhitaryan avesse azzeccatto l’ultimo passaggio nel primo tempo; se solo Spinazzola fosse riuscito a superare, non dico tutte le volte, ma almeno un paio di volte il suo diretto avversario (grande partita di Calabria e Saelemaekers che raddoppiava la marcatura ogni volta).

Ma poi viste le ultime 2 occasioni del Milan (Kessie e Romagnoli), tocca accontentarsi, altro che vincere a San Siro.

Dzeko e Kumbulla ancora a segno: finisce 3-3
Dzeko e Kumbulla ancora a segno: finisce 3-3

Cosa c’è nel bicchiere mezzo pieno? Segnamo ben 2 gol da calcio d’angolo (non succedeva da un’eternità!), tutti remano dalla stessa parte (avete visto l’esultanza di Dzeko sul 3-3?), rimontiamo per ben 3 volte contro il “favoloso” Milan.

Ora di nuovo Europa League e poi arriva la Fiorentina! FORZA ROMA!

Share

Copyright © 2009-2021 BARBAPRESS All rights reserved.
This site is using the Desk Mess Mirrored theme, v2.5, from BuyNowShop.com.