0

A.S. Roma: il dilemma del centravanti che non c’è più!

Posted by Barbapress on Marzo 11, 2013 in Calcio |

Si può correre il rischio di passare per nostalgici ma nella Roma degli ultimi 12 anni non c’è più stato nessuno in grado di avvicinare il carattere e le caratteristiche del centravanti, uno alla Batistuta insomma. Totti a parte (come in altre molte le cose), per la squadra giallorossa hanno provato a vestire la maglia “numero 9” Vucinic, Borriello e Osvaldo. Quest’ultimo ha provato a far ricordare il bomber argentino dello scudetto 2001 anche con l’esultanza della “mitraglia“, ma di questi tempi a Roma non ci si ricorda neanche più di quella.

Eppure proprio l’italo-argentino, se si riguardano i gol degli ultimi anni con la maglia di Espanyol e Roma stessa, è quello che più di tutti potrebbe assomigliare a Batistuta: ottima tecnica individuale, rapace in area di rigore, colpo di testa e anche più bravo a muoversi lontano dai 16 metri, lontano dalla porta insomma. Però, c’è un però, senza quella testa giusta per poter affrontare le situazioni difficili, come quella attuale, di un periodo di magra senza gol. Che dovrebbe dire allora il povero Cavani che tra poco si ritroverà il principale responsabile per non esser riuscito, da solo, a tenere il passo della Juventus?

Ci aveva provato pure Vucinic a vestire la maglia numero 9 della Roma, quella del centravanti, ma il montenegrino è stato, è e sarà tutto tranne che un vero attaccante di peso, quello da 20 gol a stagione insomma.

E pensare che l’attaccante ex Roma riceve attualmente anche le critiche di alcuni tifosi juventini: tira forte di collo quando dovrebbe piazzare la palla, apre il piatto quando invece dovrebbe sfondare la rete.

Non aveva il numero 9 ma il 22. Anche Marco Borriello c’ ha provato, ma non c’è riuscito. Per l’attaccante napoletano, però, le attenuanti per non aver avuto mai un allenatore che credesse davvero nell’attaccante di peso: Luis Enrique prima, e Zeman poi. Prima di questi 2 allenatori, anche per Borriello un rigore rubato (a Pizarro) in una trasferta di Champions di Donetsk nel 2011 e quel labiale (v. video alla fine, ndr) sui quei presunti “25 mila gol” segnati che non giustificavano una sua presenza in panchina.

Un’esultanza di Borriello dopo un gol con la Roma

A differenza di Osvaldo, però Borriello sta riconquistando fiducia in se’ stesso, non tanto nei suoi 6 mesi juventini quanto nel Genoa dove sta offrendo delle ottime prestazioni (8 gol finora, ndr) nonostante la delicata situazione di classifica della squadra ligure. E proprio Borriello ha ancora un contratto in essere, scadenza giugno 2015… Sapete con chi? Con la Roma. Un possibile ritorno di fiamma?

di Piero Barbaro per “Calcissimo” dell’ 11/3/2013
@barbapress

Share

Tag:, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2009-2019 BARBAPRESS All rights reserved.
This site is using the Desk Mess Mirrored theme, v2.5, from BuyNowShop.com.